L'Intervento
 
Aggiornati i principi internazionali sul percorso di formazione
Con la pubblicazione dello IES 8 si conclude il lavoro di aggiornamento e di semplificazione del Comitato IESBA
Peter Wolnizer, Presidente dell’IAESB)
 

Il Comitato IFAC per la formazione professionale dei commercialisti (IAESB) sta per completare il lavoro di aggiornamento e semplificazione degli otto principi internazionali emanati in precedenza. Gli obiettivi di questo lavoro sono:
- maggiore chiarezza espositiva;
- coerenza logica con le modifiche apportate di recente al Framework, un documento di premessa ai principi internazionali di formazione;
- modifiche necessarie a seguito dei cambiamenti intervenuti nell’iter di abilitazione alla professione nel contesto internazionale;
- modifiche conseguenti ai feedback ricevuti dai Paesi membri di IFAC che avevano già adottato i principi di formazione in vigore.
Il risultato del lavoro svolto è una maggiore leggibilità dei principi e l’eliminazione di ambiguità e punti dubbi che inficiavano l’uniforme applicazione delle norme da parte dei professionisti. Il lavoro dello IAESB mira, in ultima istanza, a migliorare la qualità della formazione dei commercialisti, in una prospettiva globale, e aumentarne le competenze. Ciò consente di mantenere la fiducia riposta nell’informativa finanziaria e non finanziaria dagli utilizzatori e dal pubblico in senso ampio. In qualità di Presidente dello IAESB, sono felice di poter annunciare che il 2014 vedrà il completamento del nostro lavoro di aggiornamento mediante la pubblicazione dell’International Education Standard 8, incentrato sulle competenze professionali dei responsabili per gli incarichi di revisione legale dei bilanci.
Lo IES 8 si uniforma così agli obblighi formativi previsti dalle versioni già aggiornate dei seguenti principi internazionali di formazione:
- i cinque principi di formazione per l’accesso alla professione: IES 2, Competenze professionali; IES 3, Abilità professionali; IES 4, Valori, deontologia e condotta della professione; IES 5, Tirocinio e esperienza di lavoro; IES 6, Verifica delle competenze professionali;
- IES 7, Formazione professionale continua.
Lo IES 8 così aggiornato si rivolge principalmente ai professionisti degli organismi professionali aderenti all’IFAC, ma riconosce il contributo dei responsabili degli incarichi, degli studi professionali e degli organismi di regolamentazione nel forgiare il sistema di controllo della qualità che deve essere applicato dai team incaricati dello svolgimento della revisione contabile dei bilanci. Le modifiche previste allo IES 8 saranno rilevanti anche per gli studi professionali, le amministrazioni pubbliche, le istituzioni che si occupano di formazione e gli altri stakeholder interessati a vario titolo alla formazione e allo sviluppo delle competenze dei commercialisti. Ritenendo che la formazione professionale continua contribuisca ad accrescere le competenze del commercialista che ricopre il ruolo di responsabile dell’incarico, lo IAESB richiede che il commercialista abbia conseguito specifici risultati formativi negli ambiti della formazione e delle competenze professionali, nonché della deontologia e della condotta. Nel corso dell’attività professionale del commercialista che svolge il ruolo di responsabile dell’incarico, anche l’esperienza pratica assume un rilievo sempre maggiore nell’approfondire e ampliare adeguatamente le competenze professionali. A tutela del pubblico interesse, nella professione del commercialista si richiede ai responsabili degli incarichi di possedere le capacità e le competenze tecniche necessarie per svolgere efficacemente il proprio ruolo. Ritengo personalmente che la società debba potersi aspettare che i responsabili degli incarichi abbiano completato una formazione e un tirocinio adeguati e che possano essere incaricati con piena fiducia della revisione dei bilanci. Sebbene la statuizione di principi di formazione professionale costituisca una delle priorità strategiche dello IAESB, attualmente non prevediamo di elaborarne altri. Tuttavia, continueremo a monitorare le aree che possono rendere necessaria la predisposizione di guide utili per agevolare l’adozione e l’implementazione di tali principi. A fronte della progressiva convergenza a livello globale e della crescente mobilità dei professionisti, i prossimi anni vedranno lo IAESB ancora coinvolto nel favorire l’adozione e l’implementazione dei principi internazionali, sollecitando gli stakeholder, e nel potenziare le competenze dei commercialisti. L’obiettivo dello IAESB continuerà a essere quello di rafforzare la professione e di far sì che sia riconosciuta quale importante interlocutore nella società, perché i professionisti possano dare il proprio contributo alla realizzazione di organizzazioni, mercati finanziari ed economie forti e sostenibili.

Condividi su:      

N. 1 - Gennaio 2014
 
Editoriale
Spread, recessione, stagnazione, stagflazione,… e poi ancora...
 
 
People
Per il Presidente dell’Ifac, il Congresso mondiale dei commercialisti,...
 
 
La nostra missione è servire l’interesse pubblico. Per questo...
 
 
L'Intervento
La sfida è quella di perseguire un report aziendale più forte,...
 
 
La crisi finanziaria e del debito pubblico hanno mostrato l’esigenza,...
 
 
Con la pubblicazione dello IES 8 si conclude il lavoro di aggiornamento...
 
Pagine < 1 > di 1
Articoli per pagina
© Copyright 2010  CNDCEC  - Piazza della Repubblica n. 59 - 00185 Roma - CF e P.Iva 09758941000 Tutti i diritti riservati Note legali  - Privacy
info@commercialisti.it  | consiglio.nazionale@pec.commercialistigov.it  | credits